Giovanni Paolo II e la geopolitica dell’amore

L’intervista a padre Aldino Cazzago, autore del libro “Giovanno Paolo II, Ama gli altri popoli come il tuo” (Jaka Book) che traccia un profilo tutto particolare di Karol Wojtyla, che ha vissuto e attraversato le vicende più importanti del XX secolo. La dolorosa storia della sua nazione, passata dalla furia distruttrice nazista alla dittatura ideologica marxista, lo ha accompagnato fino alla soglia della sua elezione pontificia. Da Roma ha poi seguito con trepidazione gli avvenimenti che, a partire dall’ultimo ventennio del secolo scorso, hanno scosso e cambiato la storia della Polonia. L’amore per la propria patria martoriata si trasforma nell’affermazione forte del diritto all’esistenza indipendente di ogni nazione, soprattutto di quelle più piccole e indifese: “Quando penso ‘patria’ – esprimo me stesso, affondo le mie radici, è la voce del cuore, frontiera segreta che da me si dirama verso gli altri”. Da uomo europeo non ha mancato di far sentire la sua voce anche nel dibattito che ha preparato il nuovo Trattato costituzionale europeo. Duplice è stata la sua preoccupazione a questo proposito: ricordare che le “fondamenta dell’identità dell’Europa sono costruite sul cristianesimo” e che solo da una “sinfonia di nazioni” potrà nascere la nuova Europa.

Lascia un Commento