La storia di Maria Cristina Cuccurullo, interprete della lingua dei segni

Maria Cristina Cuccurullo, ospite di Nicola Ferrante nello spazio Arancio di Nel cuore dei giorni, è una delle più note interpreti della Lingua Italiana dei Segni. Si avvicina al mondo dei sordi per amore del fratello minore, Giuseppe. A pochi mesi di vita Giuseppe, che ora ha 35 anni, diventa sordo a causa di una varicella. Il piccolo Giuseppe è molto affezionato a Cristina, che ha solo 5 anni più di lui e la chiama “tata”, perché la considera una seconda madre. Per avvicinarsi maggiormente, Cristina chiede al fratello di insegnarle la lingua dei segni. Cristina si appassiona talmente al mondo dei sordi che decide di studiare seriamente la loro lingua per diventarne interprete. Nel 2000, Giuseppe e Cristina creano un’associazione che si occupa del turismo dei sordi. È l’anno del Giubileo e della GMG di Roma. Sarà Suor Prisca Corrado, responsabile della Pastorale dei Sordi per la Diocesi di Roma, ad aiutarli a far giungere a Roma centinaia di non udenti.

Lascia un Commento